Juventus: Ultimatum a Conte. Altrimenti Spalletti in Pole.

Prove di disgelo ieri allo Stadium fra Andrea Agnelli ed Antonio Conte, dopo le dichiarazioni post Roma-Juve. I bianconeri non hanno gradito le condizioni poste e le ultime esternazioni del tecnico ma vogliono fare il possibile per convincerlo: contratto da 4 milioni di euro più bonus fino al 2017. Entro lunedì si attende una risposta, per il momento zero contatti ufficiali con altri tecnici.

spalletti

Assomiglia sempre più ad una partita a scacchi il rinnovo fra Antonio Conte e la Juventus. Ieri è stato il giorno della distensione con Agnelli e Conte che, nella pancia dello Stadium, durante la finale di Europa League, hanno avuto un contatto ed un colloquio che i ben informati definiscono amichevole.

Un incontro a favore di telecamere per lanciare un segnale distensione anche ai tifosi che, specie sul web negli ultimi giorni, hanno come l’impressione che la società non voglia fare di tutto per accontentare il tecnico e soprattutto poco propensa ad avallare gli investimenti necessari per tornare a vincere in Europa. La dirigenza però deve fare i conti con un bilancio che non sorride e che dice che al 30 giugno si chiuderà con un deficit di 35-40 milioni. Un passivo che non può favorire l’auspicata rivoluzione che Conte vorrebbe nell’organico per ripartire da zero con un organico più giovane, futuribile e capace di fare tanta strada anche in Europa. La Juventus però nonostante non abbia gradito le ultime recenti esternazioni del tecnico, farà il possibile per trattenere il suo allenatore, blindarlo con un contratto importante e soprattutto chiudere la partita nel più breve tempo possibile.

LA PROPOSTA BIANCONERA – Per trattenere il proprio condottiero la Juve è pronta a mettere sul tavolo un triennale fino al 2017 da 4 milioni di euro netti più bonus a stagione. Per quanto concerne il mercato l’idea è quella di proseguire, almeno questa estate, sulla falsa riga della scorsa stagione iserendo un paio di innesti qualitativi su un organico considerato ancora competitivo e rimandare i cambiamenti radicali al 2015, quando il fatturato crescerà grazie all’ingresso del nuovo munifico sponsor tecnico e ai soldi derivanti dalla rinegoziazione dei diritti tv. Basterà a Conte tutto questo per convincerlo a rimanere? Difficile fare delle ipotesi anche se una cosa è certa, la Juve vuole chiudere la partita presto e al massimo entro lunedì attende una risposta dal tecnico leccese.

QUELLA CHIACCHIERATA CON SIR ALEX – Nel frattempo ha destato molto curiosità il fatto che Antonio Conte e Sir Alex Ferguson, abbiano visto la finale di Europa League Siviglia-Benfica fianco a fianco allo Stadium. I due hanno parlottato molto e tanti hanno subito accostato il nome dell’attuale trainer juventino ai Red Devils. Questo però è quanto meno azzardato visto che il favorito numero uno per lo United resta Louis van Gaal e non ci sono riscontri di un sondaggio del Manchester United su Conte.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.