immagini-dell-infortunio-di-neymar

Neymar Potrebbe Giocare L’Eventuale Finale Con Qualche Rischio…

Nel caso in cui il Brasile dovesse arrivare in finale, il giovane talento brasiliano potrebbe tentare il ritorno in campo grazie a delle infiltrazioni di analgesici, con tutta una serie di rischi.

immagini-dell-infortunio-di-neymar

Neymar vuole esserci a tutti i costi, ne caso in cui il Brasile raggiunga la finale. Il giovane talento verdeoro, che sta lottando col dolore per una vertebra lombare fratturata, in teoria dovrebbe osservare un mese di riposo e poi tornare gradualmente ad allenarsi. Una vertebra rotta non è come il naso, che si opera alla svelta e si protegge con una maschera speciale…

L’IDEA DEL TUTTO PER TUTTO – Eppure l’attaccante del Barcellona è disperato per un’eventuale assenza e potrebbe assecondare una pazza idea: quella che ha avuto lo staff medico – secondo quanto rivela Globoesporte – di farlo tornare in campo con delle infiltrazioni. Si tratterebbe di iniezioni in loco di analgesici che gli permetterebbero così di non sentire il dolore e di poter quindi stare in campo. Il medico del Santos Mauricio Zenaide, il fisioterapista del club Rafael Martini e lo specialista Nicola Carneiro sarebbero andati addirittura a casa del giocatore per prospettargli questa possibilità.

I RISCHI – Effettuare delle infiltrazioni, però, non è una passeggiata. Per prima cosa potrebbero esserci problemi con l’antidoping, perché alcune sostanze sono proibite e per altre bisogna stare molto attenti al dosaggio. Un altro problema di cui non si parla, che però è potenzialmente molto serio, è la posizione della frattura. Perché è vero che una frattura a una vertebra lombare è, a livello vertebrale, la meno grave che possa capitare e inoltre la sua è una frattura da compressione, quella più frequente e di più lieve entità; è vero anche che con un’altra botta si può rischiare che la frattura peggiori e nel peggiore dei casi si scomponga, andando a lesionare il midollo spinale, con conseguenze ben più gravi. C’è da riflettere su questo punto, perché lo stesso ct del Brasile, Felipe Scolari, ha rivelato che al momento dell’impatto Neymar non si sentiva più le gambe. Insomma, il gioco vale la candela? Troy Bayliss prima di una gara di superbike si era fatto amputare una falange gravemente incidentata pur di poter correre (gesto di per sé già discutibile), ma qui si parla di colonna vertebrale e di funzionalità degli arti.

LA SMENTITA – In ogni caso, per il momento, arriva la smentita da parte del curatore dell’immagine del campioncino brasiliano, Edoardo Musa. “La versione ufficiale è che al momento nessuno sta pensando a questa possibilità – dice – Stiamo solo pensando alla sua riabilitazione”. Il fatto, però, che un’ipotesi del genere sia saltata fuori e abbia già fatto il giro del mondo lascia intendere che non sia soltanto un’idea di tre specialisti senza timori, ma che possa essere anche il volere del giocatore in questione.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *