immagini-dell-infortunio-di-neymar

La Colombia Accusa: “Infortunio Neymar Finto Per Coprire Accordi Arbitrali”

Circola una tesi secondo cui il Brasile avrebbe inscenato l’infortunio di Neymar per coprire presunti accordi con arbitri e FIFA per vincere il Mondiale. Il giocatore avrebbe sì un problema alla schiena, ma di lieve entità e derivante dalla buffa caduta sofferta durante i festeggiamenti per il gol di Thiago Silva. Zuniga l’avrebbe colpito in una zona differente da quella lesionata.

immagini-dell-infortunio-di-neymar

Neymar ha dato l’addio al Mondiale uscendo tristemente di scena a una manciata di minuti dal termine della partita contro la Colombia, steso da una durissima ginocchiata di Camilo Zuniga che gli ha procurato una frattura vertebrale. Nonostante le immagini del giocatore dolorante, il suo trasporto in barella in ospedale e la sua malinconica uscita di scena, caricato a bordo di un elicottero dopo aver lasciato un commovente videomessaggio ai tifosi verdeoro, in Colombia sta serpeggiando una controversa tesi secondo cui Neymar, in realtà, avrebbe simulato.

Il “finto infortunio”, infatti, non sarebbe nient’altro che una copertura utilizzata dal Brasile per nascondere gli accordi presi con arbitri e FIFA per arrivare fino in fondo al Mondiale: il problema alla schiena di Neymar sarebbe derivato dalla grottesca caduta sofferta durante il festeggiamento per il gol realizzato da Thiago Silva all’inizio della partita. La ginocchiata inferta da Zuniga, infatti, avrebbe colpito il giocatore del Barcellona in una zona differente rispetto a quella lesionata. Il Brasile, così, avrebbe colto l’occasione per “coprire” presunti accordi sottobanco con fischietti e Federazione, spostando l’attenzione dagli errori compiuti dall’arbitro durante la partita contro la Colombia all’intervento killer del difensore del Napoli su Neymar.

Nel tweet sottostante trovate la curiosissima e opinabilissima spiegazione della tesi, per la quale, alla fine, Zuniga risulterebbe innocente. A voi se crederci o meno…

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *