La Vertiginosa Parabola Di D’Agostino: Dal Real Madrid Alla Fidelis Andria

Nel giorno dell’ufficializzazione del suo passaggio alla Fidelis Andria in serie D, vi proponiamo una dichiarazione di Gaetano D’Agostino (32), fatta questa estate a Panorama, circa un particolare di mercato rimasto sconosciuto per molto tempo.

gaetano-dagostino

L’ex nazionale italiano, all’apice della carriera nel 2009, è stato vicinissimo al Real Madrid. “Non l’ho mai detto ma sono stato davvero a un passo dal Real – rivela al noto settimanale – Due settimane dopo che era sfumata l’operazione con la Juve, mi avevano cercato. Anche con loro trovai immediatamente l’intesa. Un quinquennale da 2 mln di euro a stagione. Dovevo solo andare in Spagna per firmare, ma l’Udinese non chiuse l’affare. Volevano un paio di promesse madrilene come contropartita (oltre ai 20 mln per il cartellino ndr) e così saltò tutto e al mio posto presero Xabi Alonso dal Liverpool”.

Un periodo estivo molto intenso per D’Agostino, dato che poche settimane prima era naufragata la trattativa con la Juventus: “La Juventus mi aveva cercato già a marzo e mi voleva fortemente. Ricordo che con loro era già stato trovato l’accordo a cifre importanti (1 mln 750mila euro a stagione). Era praticamente tutto fatto, solo che nel girone di ritorno segnai nove reti.

Così l’Udinese rilanciò, chiedendo le metà di Marchisio, Giovinco e De Ceglie. La Juve offriva massimo diciotto-venti milioni e l’ulteriore richesta di venticinque mln fece saltare tutto. Per la prima volta mi sentii un prodotto. Noi calciatori siamo un indotto per i club, i sentimenti e i desideri non contano”.

Il resto è storia nota. D’Agostino è rimasto in Friuli, e l’anno seguente è andato alla Fiorentina per poi abbracciare il progetto del Siena. Tre anni inframezzati da un semestre incolore a Pescara, sino all’epilogo dello scorso luglio con la mancata iscrizione dei bianconeri alla serie B.

Ora D’Agostino si riavvicina alla sua Palermo attraverso la Fidelis Andria, club pugliese con un ricco e recente passato in Lega Pro.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.