Calciopoli: La Juventus Ottimista Circa il Ricorso e il Maxi Rimborso

Responsabilità soggettiva, numero ridotto di partite truccate, condanna per illecito strutturale smontata: su questo punta la Juventus per tenere in vita Calciopoli.

agnelli conte

Calciopoli sembra finita, ma in realtà non lo è. E forse non lo sarà mai. Sul tavolo, ad esempio, c’è sempre il ricorso presentato ormai tre anni fa al Tar del Lazio dalla Juventus: quei 443 milioni chiesti alla FIGC come risarcimento per le conseguenze che lo scoppio dello scandalo ebbe a livello sportivo e non solo.

E poi c’è anche un’altra questione: quella dell’Articolo 39, che la Juventus impugnerà per chiedere la restituzione dei due scudetti persi a tavolino, quello del 2005 e quello del 2006 (quest’ultimo poi assegnato all’Inter). Carlo Tavecchio, presidente della FIGC, definisce “temeraria” la Juventus, ma secondo ‘Tuttosport’ potrebbe non essere così.

Il club bianconero punta innanzitutto sulla scissione degli interessi di Luciano Moggi e Antonio Giraudo, prescritti nella giornata di martedì, da quelli del club. Si tratterebbe dunque di responsabilità soggettiva, e non oggettiva. Ed è per questo che alla Juventus sono fiduciosi che le azioni legali inoltrate possano andare a buon fine.

Secondo punto: secondo la Cassazione sono soltanto sei le partite manovrate nell’arco di un anno e mezzo. Troppo poche, per stabilire l’esistenza di una vera cupola a comandare il calcio italiano. E troppo poche, soprattutto, per ipotizzare veri vantaggi a favore della Juventus.

Infine, il club punta anche sulla condanna del 2006, fondata sull’illecito strutturale ma smontata in ogni sua parte: sono cadute le tesi dell’esclusività nel rapporto tra Moggi e i designatori, del sorteggio truccato, del rapimento di Paparesta e della teoria delle ammonizioni preventive. Tutto a vantaggio della Juventus.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.