Juventus – Barcellona: Allegri Studia lo “Stile Malaga” Per Fermare Messi & Co.

Allegri studia come fermare Messi, possibile una Juventus stile Malaga: difesa compatta e contropiede. Decisivi Marchisio e Pogba.

champions-league-final-2015 juventus barcellona

“Dovevamo arrivare tra le prime otto, siamo tra le prime due: ora dobbiamo vincere”. Allegri alla vigilia è stato chiaro, la Juventus non si presenta alla finale di Berlino per partecipare anche se, ovviamente, l’ostacolo Barcellona è di quelli difficili da superare. Se non quasi impossibile.

L’obiettivo numero uno per avere qualche chance di successo, insomma, sarà soprattutto quello di arginare l’extraterrestre Messi, magari imitando quel Malaga capace di non concedere neppure un goal al Barcellona in 180 minuti proprio grazie a tre linee di difesa molto strette e basse che impediscano ai blaugrana di penetrare centralmente concedendogli esclusivamente le vie esterne.

D’altronde, si sa, le palle alte non sono certo la specialità degli attaccanti del Barça che, riforniti solo attraverso i cross dalle fasce, perderebbero gran parte della loro pericolosità.

Il tutto, ovviamente, senza considerare come le qualità tecniche della Juventus siano nettamente superiori a quelle del Malaga, cosa questa che potrebbe permettere ai bianconeri anche di ripartire spesso e volentieri.

Decisivi in tal senso potrebbero risultare soprattutto Marchisio e Pogba, pronti ad allargarsi per tamponare le avanzate dei due terzini avversari e limitare i rifornimenti a Messi e Neymar che, in quel caso, sarebbero costretti a rinculare di parecchi metri per ricevere palla.

Come decisivi saranno sicuramente Tevez e Morata, velocissimi predatori d’area di rigore, pronti magari a rubare palla sulla trequarti blaugrana e involarsi verso la porta di Ter Stegen per cercare di colpire in contropiede, vecchia arma tattica all’italiana sempre molto temuta in Spagna e non solo.

Fondamentale, però, sarà soprattutto non farsi irretire dal palleggio del Barcellona che, come risaputo, in questa specialità è maestro. E poi affidarsi al ‘Maestro’, quello bianconero.

Stiamo ovviamente parlando di Andrea Pirlo a cui, una volta riconquistato, andrà consegnato il pallone per fare ripartire l’azione bianconera con rapide verticalizzazioni. Facile a dirsi, certo. Ma neanche impossibile per una squadra capace di vincere qualcosa come quattro scudetti consecutivi.

E per questo super match, non poteva mancare il divertente pronostico/simulazione dei nostri amici di Gameplay Supermarket:

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.