Juventus: Ecco i Motivi Di Questa “Crisi”

0 punti nelle prime 2 giornate: mai nella storia bianconera una partenza così disastrosa. Quali sono le cause di questa “crisi”?

allegri juventus

Un inizio così in pochi l’avrebbero predetto, tifosi juventini e non. C’è già chi parla di stagione fallimentare, chi da le colpe ad Allegri, chi a Marotta e chi alla società. Andiamo ad analizzare il momento nero della Juventus, cercando di capirne le cause.

MERCATO Molti avevano previsto una Juventus inferiore a quella degli scorsi anni, viste le contemporanee assenze di giocatori del calibro di Pirlo, Vidal e Tevez. Il mercato juventino è stato comunque di prim’ordine, con l’arrivo di Khedira (ideale sostituto di Pirlo), Dybala (al posto di Tevez), Mandzukic (al posto di Llorente) e, ultimo, Hernanes (al posto di Vidal nel ruolo di trequartista). Quando si cambia così in tanto le difficoltà iniziali possono starci. Ora bisognerà vedere se Dybala esploderà per diventare quel fenomeno che in molti credono sia (fin’ora è stato comunque uno dei migliori), se Khedira riuscirà a dare continuità dopo i vari infortuni e se Hernanes riuscirà a dare quella classe e quelle giocate che ci si aspetta da un fantasista.

INFORTUNI L’inizio balbettante è coinciso anche con una serie di infortuni subiti da giocatori molto importanti, se non fondamentali. In questo momento la Juventus non può fare a meno di un regista, ruolo che compete a Marchisio o eventualmente a Khedira, entrambi ai box. Padoin non ha queste caratteristiche e non possiede nè la tecnica nè la personalità per far girare la squadra. Davanti, poi, l’assenza di Morata è stata importante. Lo spagnolo è la punta di diamante del reparto offensivo di Allegri.

LE PARTENZE DI ALLEGRI Storicamente le squadre di Allegri hanno un inizio difficoltoso. E’ successo a Cagliari (1 punto nelle prime 6 partite), è successo al Milan e sta succedendo alla Juventus. Da dire che poi tutte quelle stagioni si son rivelate molto positive alla fine.

LE ESPLOSIONI DI POGBA, MORATA, DYBALA… Con la partenza di Pirlo, Vidal e Tevez, questo dev’essere l’anno di Paul Pogba. Talento cristallino, mix di forza ed eleganza, il giovane francese in questa stagione dovrà fare quel salto di qualità, che dovrà consacrarlo leader della Juventus. Nelle prime due giornate è stato uno dei più deludenti ma la strada è ancora lunga e le possibilità di crescita sono ancora enormi. Stesso discorso anche per Alvaro Morata. Chiusa una passata stagione molto positiva, con una crescita vertiginosa nella seconda parte di stagione, quest’anno Allegri si aspetta tantissimo dallo spagnolo, sia come realizzazioni che come uomo squadra, in grado di trascinare i bianconeri anche nei momenti di difficoltà. E poi c’è Dybala, che dovrà mettere in mostra tutto il talento fatto vedere a Palermo.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.