Juventus: La Svolta Ormai è Segnata Col 4-3-3 e Quella Punta Esterna Argentina…

La svolta della Juventus, pronta a sferrare l’assalto ad Ezequiel Lavezzi, passa dall’utilizzo in pianta stabile del 4-3-3.

FBL-FRA-LIGUE1-NANTES-PSG

Interpretare adeguatamente vari sistemi di gioco, diciamocelo chiaramente, non è roba per tutti. Ci sono allenatori che prediligono valorizzare le proprie idee snaturando i calciatori a disposizione, mentre altri si mettono completamente a disposizione della squadra. EMassimiliano Allegri, indubbiamente, appartiene alla seconda categoria. Il tecnico toscano non ha dogmi tattici, lavora sistematicamente sulle caratteristiche dell’organico, modus operandi lodevole e proficuo.

Non è tempo di esperimenti, l’attuale mister dei bianconeri ha dimostrato nella passata stagione di sapersi adattare totalmente alla situazione e, dopo aver deciso di affidarsi inizialmente alla continuità, ha optato per il passaggio al 4-3-1-2. Mossa pienamente azzeccata. Attualmente, tuttavia, i tempi sembrerebbero essere cambiati.

La rivoluzione estiva ha comportato inevitabilmente diversi cambiamenti e, in un quadro non ancora clinicamente nitido, la Juventus ha sperimentato più percorsi. Il 4-3-3 fornisce garanzie interessanti, il tutto è da sviluppare con l’innesto di un giocatore che possa completare il tridente offensivo e, a tal proposito, non è un mistero che Ezequiel Lavezzi si stia avvicinando sempre di più ai torinesi.

Trattativa che va avanti, in corso Galileo Ferraris studiano la bontà dell’operazione, passo decisivo che potrebbe concretizzarsi con lo sbarco in Italia dell’agente del Pocho, Alejandro Mazzoni, pronto ad incontrare nel milanese l’a.d. Beppe Marotta. Questo cambiamento di linea lo si deve principalmente all’inserimento di Juan Cuadrado, approdato sotto la Mole in sordina, diventato rapidamente uno degli elementi più incisivi. Allegri difficilmente lascia in panchina il colombiano, il quale in Italia riesce a ben figurare ripetutamente, pur non avendo proposto grandi risultati in termini di goal e assist. Ma le prestazioni contano, eccome, e l’ala attualmente di proprietà del Chelsea s’è ambientato con rapidità ed entusiasmo.

Va la pena plasmare un assetto per supportare le doti di un solo interprete? Non è questo il punto. La Juventus targata Allegri, concetto ribadito in più occasioni proprio dal diretto interessato, non lavora quotidianamente in funzione, appunto, di un solo modulo. Secondo il pensiero del Max, e questo rende la missione ancora più difficile da centrare dal punto di vista della linearità, una compagine dev’essere duttile a tal punto da saper cambiare a gara in corso. Insomma, rendere vita difficile agli avversari sempre e stabilmente. Quando le cose funzionano bene, d’altro canto, pensieri e idee trovano comodamente terreno fertile, mentre se i risultati non arrivano – ovviamente – aumentano dubbi e malumori.

Difficile dire quanta strada farà la Juventus decidendo di tuffarsi con convinzione nel 4-3-3, sistema di gioco supportato da un centrocampo titolare che, al netto delle condizioni fisiche, ha pochi rivali in Europa. E proprio su questo aspetto, attendendo buone nuove dal mercato, dovrà concentrarsi l’operato di Allegri. Troppi infortuni muscolari, impossibile convivere con tanti esponenti illustri fuori dai giochi.

Si va verso il 4-3-3, con l’eventuale arrivo di Lavezzi cambieranno anche le gerarchie in attacco, tanta concorrenza; prassi per una grande società pronta a combattere per le alte posizioni in tutte le manifestazioni in cui milita. Da capire come, in questo contesto, possano giganteggiare Morata e Dybala, più propensi a giocare vicino alla porta anziché in una posizione defilata, mentre per Mandzukic dubbi non ce sono: ariete.

Il mercato invernale si appresta a portare diversi doni ad Allegri, pronto a definire con ordine un programma tattico che, almeno nei pensieri dei vertici della Juventus, dovrebbe comportare un radicale cambio di rotta.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.