Calciomercato: Ecco La Lista Della Spesa Di Conte Per il Chelsea

Antonio Conte vuole costruire un grande Chelsea: acquisti importanti proiettati a comprendere rapidamente il suo calcio. E intanto, passo dopo passo, si delineano le prime mosse.

conte psg

Antonio Conte è pronto a legarsi al Chelsea, non firmando ancora un contratto visto quello in essere con la Nazionale italiana, ma impegnandosi con cuore e idee nell’imminente progetto londinese. E’ atteso a stretto giro di posta, infatti, l’incontro finale a Montecarlo con i vertici dei Blues per definire gli ultimi aspetti contrattuali di un triennale ormai ampiamente impostato.

Intanto, tuttavia, Conte ragiona già da futuro tecnico del Chelsea. Primo: spazio a uno staff tecnico corposo pronto a sbarcare in Inghilterra rappresentato da Angelo Alessio (vice allenatore), Paolo Bertelli (preparatore atletico) e Massimo Carrera (assistente di campo). Senza dimenticare Gianluca Conte, uomo di fiducia dell’ex allenatore della Juventus, pronto a seguire il fratello nell’esperienza oltremanica tra campo e fase di scouting.

Secondo: mercato da urlo per tentare di colmare il gap con le big europee, investimenti mirati ad incrementare il tasso tecnico della rosa, con un grande centrocampista da inserire in mezzo al campo. E i nomi di Arturo Vidal del Bayern Monaco e Radja Nainggolan della Roma, da sempre apprezzati dal mister salentino, trovano ampie conferme.

Conte, concentrato ad effettuare un ottimo Europeo con gli azzurri, in questo momento non vuole porre la propria prospettiva oltre. Ma impiantare le basi per un solido matrimonio con il Chelsea, d’altro canto, è un pensiero improrogabile. Fondamentale muoversi con tempestività, fondamentale apparecchiare una compravendita di primissimo livello.

Le risorse non mancheranno, Roman Abramovich s’è convinto della bontà del profilo, dopo aver analizzato anche altri nomi come Diego Simeone dell’Atletico Madrid (fortemente intenzionato a rimanere in Spagna ) e Slaven Bilic del West Ham (sponsorizzato dal traghettatore Guus Hiddink). La decisione è stata presa, sarà Conte a dover rilanciare a pieni giri una macchina rimasta soprendente in panne nel secondo ciclo mourinhiano.

Conte nei mesi scorsi ha avuto modo di prendere confidenza con la capitale inglese, voci ben informate raccontano anche come l’attuale c.t. azzurro abbia visitato anche le strutture del Chelsea, rimanendo impressionato dall’organizzazione londinese. Voglia di calcio quotidiano, di tornare ad ad assaporare il rettangolo di gioco con frequenza, di intraprendere un’avventura all’estero.

E qui entrano in ballo le lezioni private di inglese, intraprese già nel passato juventino, livello base da sviliuppare in tempi rapidi per cercare di arrivare alla conferenza stampa di presentazione con una buona padronanza della lingua.

E poi ci sono le scommesse, il voler tentare di fare qualcosa di diverso, magari rilanciando qualche giocatore. Juan Cuadrado, per esempio, vanta l’assoluta stima contiana e, giustappunto, l’allenatore salentino proverà a capire la situazione. Juventus, ovviamente, spettatrice (assai) interessata.

Carlo Tavecchio, presidente della Figc, ha tentato in tutti i modi di convincere Conte a rinnovare. Nulla da fare. La Nazionale dopo la spedizione in terra transalpina avrà un altro selezionatore, diversi i nomi nel mirino, con l’idea che porta a Roberto Mancini difficile da praticare.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.