Italiane in Europa: un Disastro Colpa Anche Degli Arbitri

Sono addirittura 18 gli errori commessi dagli arbitri che hanno condannato le squadre italiane in Europa, si va da Real Madrid-Roma a Bayern-Juventus.

arbitri europa italiane

Beppe Marotta al fischio finale di BayernJuventus lo ha chiesto a gran voce: “Il calcio italiano deve essere tutelato”. Frase che se a caldo ha fatto storcere il naso a molti analizzando quanto accaduto nell’ultimo mese non sembra però del tutto fuori luogo.

Dal 17 febbraio, giorno in cui si è giocata Real Madrid-Roma, al 16 marzo infatti tanti sono stati davvero tanti gli errori commessi dagli arbitri in giro per l’Europa. E quasi tutti a danno delle squadre italiane.

Rigori negati, espulsioni mancate, fuorigioco che c’erano non visti o viceversa. Tutti fatti che, ovviamente, non potevano passare inosservati agli occhi di Tavecchio che ieri, secondo quanto riporta ‘Il Corriere dello Sport’, avrebbe avuto un contatto telefonico con Marotta per ribadire la vicinanza della FIGC nella polemica arbitrale.

A stupire, nella sequenza di errori compiuta dalla squadra di Collina, è peraltro che a dirigere le gare delle nostre compagini siano spesso stati arbitri ritenuti tra i migliori del lotto e impegnati ai prossimi Europei come Kralovec (Rep. Ceca), Atkinson (Ing), Marcianiak (Pol), Eriksson(Sve) e Hategan (Rom). Un segnale a dir poco preoccupante.

Specie considerando che gli errori in questione sono di quelli macroscopici e non certo di pochi centimetri. E poi ci sono i precedenti come nel caso di Eriksson che prima di Bayern-Juventus non aveva convinto neppure nel preliminare di Champions tra Bayer Leverkusen e Lazioquando graziò da due possibili espulsioni i tedeschi Papadopoulos e Wendell.

Nella classifica dei torti subiti in questa stagione in Europa però in testa c’è sempre la Juventus che tra andata e ritorno contro il Bayern ne ha collezionati addirittura sei. Subito dietro laFiorentina con 5 nel doppio confronto contro il Tottenham, la Lazio con tre, Roma e Napoli con due a testa.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.