buffon futuro russia

Buffon: Dopo La Delusione Ora L’Obbiettivo è Diventare Leggenda. Tra 2 Anni…

Chiusa con le lacrime l’esperienza all’Europeo, Buffon si concentrerà sull’obiettivo Mondiali: fare bis e diventare recordman nella storia delle Nazionali.

 buffon futuro russia

Barzagli interrompe l’intervista per piangere. Pellè chiede scusa dandosi del nessuno. Zaza non dimenticherà mai il balletto dagli undici metri. Gigi Buffon esprime le sue emozioni in maniera netta. sguardo basso, lacrime e una delusione infinita, forse più pesante delle sconfitte in finale di Champions League.

Una vera e propria tragedia sportiva per alcuni giocatori italiani l’eliminazione contro la Germania ai quarti di Euro 2016. DIversi di loro torneranno anche con Ventura, mentre altri difficilmente faranno parte del nuovo corso. In attesa del cambio di testimone, di certo tra i pali ci sarà ancora Buffon.

Il 38enne capitano e portiere della Nazionale proverà a dimenticare l’Europeo dal prossimo autunno, ovvero quando partiranno le qualificazioni al Mondiale 2018 in terra russa. A meno di clamorosi allungamenti di carriera fino ai 42 anni sarà quello l’ultimo grande torneo dell’estremo difensore juventino.

Probabilmente chiusa la sua storia all’Europeo, Buffon sogna di fare il bis ai Mondiali dodici anni dopo la vittoria in terra tedesca. Avrà quarant’anni a Mosca in caso di qualificazione azzurra, all’ultimo atto di una grandiosa carriera che l’ha eletto come miglior portiere di tutti i tempi, o comunque tra i primi tre della storia.

Buffon vuole il Mondiale, vuole vincerlo. Ma vuole anche essere ancor più unico battendo record: in caso di Italia in Russia e convocazione diventerebbe il solo con sei Mondiali differenti, dal lontano 1998 al 2018. E’ già in vetta, condividendo però il tutto con Carbajal e Matthaus.

Non solo. Buffon è anche nella top ten dei Nazionali mondiali con più presenze e già dalle prossime amichevoli e qualificazioni potrebbe scalare posizioni verso la vetta: 161 presenze con l’Italia, a 23 dal capolista Ahmed Hassan, egiziano ritiratosi nel 2013.

Diversi motivi per andare avanti, grazie all’effetto di milioni di persone, grazie a nuovi obiettivi. La delusione europea è enorme, ma il tempo farà dimenticare le ferite.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *